Relazione dell’ispettore don Leonardo Mancini